Cosa definisce il costo di una vetrata? - LSartevetro di Laura Scotti

“La macchiolina che stai grattando è dall'altra parte.”
Legge di Hamilton sui vetri sporchi
Vai ai contenuti

Menu principale:

Cosa definisce il costo di una vetrata?

FAQ
Il costo di una vetrata artistica può variare a seconda di molteplici fattori.
Dal numero di pezzi che la compongono, dal tempo di lavorazione , dalla dimensione della vetrata e dalla qualità finale dell'opera.
Più pezzi compongono la vetrata maggiore sarà il tempo di lavorazione.
Va inoltre considerato il tipo di taglio, che può essere geometrico o curvo, perché quest'ultimo va ad incidere sul costo della vetrata essendo più difficoltoso.
Il vetro è un altro fattore che può determinarne il costo.
I cattedrali sono i vetri più economici e non sono da confondere con i cattedrali antichi o altri tipi di vetro.
Anche i profili di piombo possono determinare il valore di una vetrata.
Se si usano profili piccoli si rende la vetrata più leggera sia nel peso che nell'impatto visivo , inoltre è indice di buona manualità nell'esecuzione del lavoro.
Le varie dimensioni dei profili danno un vantaggio che è quello di poterli sfruttare in modo da mettere in evidenza determinate rappresentazioni.  
La stessa cosa vale anche per la tecnica Tiffany perché i nastri di rame hanno varie misure e, più piccole si usano, più il lavoro è pregiato.
In una vetrata al piombo vi può essere inserito un inserto in Tiffany ( tecniche miste ).
L'unità di misura che viene utilizzata per dare un costo alla vetrata ( incluso il lavoro eseguito ) è il metro quadro.
Vetrate inferiori al MQ sono da considerarsi pari al MQ in quanto può risultare più impegnativo lavorare su pezzi e superfici ridotte.
Sito web realizzato da Laura Scotti
Copyright 2016 Incomedia WebSite X5.
All rights reserved.
Privacy Policy
Cookie Policy
Torna ai contenuti | Torna al menu